I fattori di rischio cardiovascolare sono tutti uguali?

14/06/2016

Solitamente quando ci viene posta una domanda come questa la risposta ovvia è "no". E questa volta è la risposta giusta. Non sono tutti uguali per diversi motivi, soprattutto se analizziamo i fattori di rischio classici che sono età, sesso, familiarità per malattie cardiovascolari, ipertensione, fumo, diabete, sedentarietà e dislipidemia. 

Quale è la prima distinzione da fare se non quelli su cui possiamo agire e quelli invece su cui non possiamo fare niente?! E allora, i fattori di rischio CV possono essere:

-NON MODIFICABILI: età, sesso, familiarità;

-MODIFICABILI: ipertensione, fumo, diabete, sedentarietà e dislipidemia.

L'età è forse il principale fattore di rischio per le malattie cardiache, su cui però non possiamo fare niente! Su età e familiarità ci sono però spesso degli equivoci: sapete quando si considera che un paziente abbia familiarità per patologie cardiovascolari? Quando ha avuto in famiglia qualcuno che ha sofferto di queste patologie prima dei 55 anni se uomo, o prima dei 60 anni se donna. Oltre questa età non si parla di familiarità. E perché questa differenza tra uomini e donne? Nonostante la mortalità cardiovascolare per uomini e donne sia simile, l'insorgenza di patologie CV è più precoce negli uomini, a quanto si sa sino ad oggi probabilmente per una azione protettiva degli estrogeni nelle donne sino alla menopausa.

 

E i fattori di rischio modificabili sono tutti uguali? Anche qui la risposta è no. Ipertensione e dislipidemia sono spessissimo presenti nei pazienti che si incontrano tutti i giorni nei reparti e negli ambulatori di cardiologia, così come sedentarietà e alimentazione poco sana. Ma forse quelli che portano con sé un rischio maggiore sono il fumo e il diabete. Sul fumo credo ci sia poco da dire, se non che è necessario smettere il prima possibile per tutti i rischi che porta. Il discorso sul diabete è invece quasi infinito. Il diabete non è solo un fattore di rischio, è una patologia molto complessa e che spesso porta con sé tutti gli altri fattori di rischio. Mi spiego meglio... Lo sviluppo di diabete è associato ad una alimentazione poco sana, alla sedentarietà ed al sovrappeso. Le alterazioni del metabolismo del diabete sono legate allo sviluppo di dislipidemia e il diabete spesso è legato tramite anche un danno renale allo sviluppo di ipertensione. Inoltre, anche per il possibile sviluppo di problemi vascolari alle gambe e di una sofferenza nervosa per i pazienti diabetici è spesso difficile svolgere attività fisica, che invece aiuterebbe nel controllo della patologia. Infine, la neuropatia diabetica porta ad infarti silenti e quindi spesso i pazienti si presentano a me o ai miei colleghi quando la situazione cardiaca è già compromessa.

Per tutti questi motivi il diabete è forse uno dei killer del cuore, tanto che i pazienti diabetici sono considerati come se fossero già cardiopatici da un punto di vista delle misure preventive.

 

 

 

Non tutti i fattori di rischio sono uguali quindi, ma su tutti è importante agire perché ognuno incrementa il nostro rischio cardiaco. Guardate questa interessante diapositiva da uno degli studi già importanti sull'epidemiologia delle malattie cardiovascolari. A parità di età, il rischio cardiovascolare raddoppia all'aggiunta di ogni fattore di rischio e diventa 7 volte maggiore in chi ha tutti i fattori rispetto  chi non ne ha... non poco se pensiamo che le malattie CV sono la prima causa di morte!!

 

 

 

Please reload

Notizie popolari

Nuova pubblicazione sulla durata della terapia antiaggregante nei pazienti con infarto

10/9/2019

1/10
Please reload

Notizie recenti
Please reload

Cerca per Tags

© Alessandro Durante - 2014-2018

Il Dott. Durante è iscritto all'Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano al n. 41321.

Comunicazione inviata all'Ordine dei Medici in data 11/08/2014.