Attacco cardiaco o Arresto cardiaco?!

03/01/2016

La verità è che tutti abbiamo paura di entrambe queste entità. E probabilmente facciamo bene, se pensiamo che le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte, più dei tumori. Ma quali sono le differenze? Vediamo insieme:

  • L'ATTACCO cardiaco può essere semplicemente, forse anche semplicisticamente ma comunque in modo efficace, identificato come un INFARTO o come un inizio di infarto;

  • L'ARRESTO cardiaco consiste in una improvvisa perdita di contrattilità del cuore, e in una attività elettrica del cuore che non è compatibile con la vita;

  • L'arresto cardiaco può essere causato da un attacco cardiaco, ma raramente capita l'opposto. Per essere più precisi, l'arresto cardico è una complicanza abbastanza frequente dell'infarto e, per contro, l'infarto è una delle cause frequenti di arresto cardiaco.

Abbiamo fatto chiarezza o confusione? Spero di essere stato chiaro, la cosa importante è che le due patologie possono essere collegate tra di loro, ma posso anche non esserlo. Si può avere un infarto senza arresto cardiaco (per fortuna!) e un arresto cardiaco non causato da un infarto.

 

Ma sapete cosa è importante in entrambi i casi? FARE IN FRETTA. L'arresto cardiaco è un evento improvviso, ma chiaro. Vedrete qualcuno che cade come se svenisse, ma non riprenderà coscienza. DOVETE CHIAMARE IMMEDIATAMENTE I NUMERI DI EMERGENZA. Più in fretta farete, più probabilità ci saranno di salvare la vita alla vittima dell'arresto.

Ma la stessa cosa vale per l'infarto. Noi cardiologi diciamo che il tempo è miocardio, ossia prima chiamate soccorso e minore sarà il danno cardiaco. In questo caso però può essere più difficile riconoscere che si tratti proprio di infarto. Il consiglio è in caso di dubbi di chiamare comunque i soccorsi. Se avete un senso di peso al torace, costrizione, una "strana indigestione", e magari sudate, beh meglio chiamare aiuto, magari sarà inutile ma in questi casi è meglio essere prudenti.

 

Voglio riallacciarmi a quanto abbiamo detto all'inizio, su quanto siano diffuse le malatte cardiovascolari. Nonostante grandi progressi nella terapia, l'incidenza continua a non ridursi ma anzi i malati "cronici" diventano sempre più. Per questo è molto importante agire "a monte", evitare l'insorgenza di queste malattie puntando sulla PREVENZIONE: stile di vita, alimentazione e movimento sono la CHIAVE per sconfiggere le malattie cardiache!

 

Un grazie per avermi dato lo spunto per questo post ad un grande amico, scienziato curioso e incontenibile.

 

 

Please reload

Notizie popolari

Nuova pubblicazione sulla durata della terapia antiaggregante nei pazienti con infarto

10/9/2019

1/10
Please reload

Notizie recenti
Please reload

Cerca per Tags

© Alessandro Durante - 2014-2018

Il Dott. Durante è iscritto all'Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano al n. 41321.

Comunicazione inviata all'Ordine dei Medici in data 11/08/2014.