Ruolo dei betabloccanti nello STEMI trattato con PCI primaria

26/07/2015

Nonostante l’avvento di efficaci terapie riperfusive come l’angioplastica primaria (pPCI – primary Percutaneous Coronary Intervention), l’utilizzo dei betabloccanti continua a mostrare un impatto prognostico positivo indipendentemente dalla funzione ventricolare sinistra (FEVS). È questa l’evidenza principale emersa in uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Cardiology.

Obiettivo dello studio era appunto di valutare quale fosse il ruolo della terapia betabloccante e se questa avesse ancora benefici nei pazienti con infarto miocardico con sopralivellamento del tratto ST (STEMI) nonostante l’avvento della pPCI e dei suoi noti benefici.

Sono stati considerati in totale 901 pazienti con STEMI, divisi in due gruppi a seconda che assumessero (n = 598) o meno (n = 303) i betabloccanti.

L’incidenza cumulativa di morti per tutte le cause era del 10.0% nel gruppo betabloccanti,  del 25.4% nel gruppo senza (p < 0.001). l’incidenza di eventi avversi maggiori cardiovascolari (MACE) era del 22.1% nel gruppo betabloccanti e del 34.3% nel gruppo senza (p < 0.001). 

L’hazard ratio (HR) dei betabloccanti per la morte per tutte le cause e per i MACE con bassa FEVS (<50%) era di 0.55 [95% intervallo di confidenza (CI) 0.35-0.86, p = 0.009] e 0.75 (95% CI 0.51-1.09, p = 0.125), rispettivamente. 

Nei pazienti con FEVS conservata l’HR dei betabloccanti per morte e MACE era rispettivamente di 0.50 (95% CI 0.29-0.88, p = 0.016) e 0.75 (95% CI 0.51-1.12, p = 0.162).

Dopo una analisi propensity matched è emersa una minor mortalità legata alla assunzione di betabloccanti sia con FEVS ridotta che con FEVS normale (p = 0.02 and p = 0.001, rispettivamente).

Questo studio supporta i dati sino ad ora presenti in letteratura sui benefici dei betabloccanti nei pazienti con cardiopatia ischemica, e soprattutto in quelli con STEMI. Dai tempi dello studio COMMIT i betabloccanti sono noti per aver un significativo impatto prognostico nel post-infarto. 

I dati derivati da studi precedenti l’avvento della pPCI sono tuttavia stati messi in discussione anche per i significativi benefici apportati da quest’ultima, che potrebbero almeno in parte rendere meno significativi i benefici di una terapia farmacologica. Per questo motivo è molto importante la conferma dell’impatto prognostico dei betabloccanti in una ampia coorte di pazienti von STEMI, e forse ancora maggiormente significativo è il dato che tali benefici sono validi sia nei pazienti con FEVS ridotta che in quelli con FEVS conservata.

 

Please reload

Notizie popolari

Nuova pubblicazione sulla durata della terapia antiaggregante nei pazienti con infarto

10/9/2019

1/10
Please reload

Notizie recenti
Please reload

Cerca per Tags

© Alessandro Durante - 2014-2018

Il Dott. Durante è iscritto all'Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano al n. 41321.

Comunicazione inviata all'Ordine dei Medici in data 11/08/2014.