17/06/2017

E' stato recentemente pubblicato sull'importante rivista Circulation Cardiovascular Imaging uno studio sulla stratificazione del rischio dei pazienti con infarto acuto. Grazie a tutti i colleghi che hanno partecipato!

05/01/2017

E' stato pubblicato sull'international Journal of Cardiology un importante studio guidato dal Dr. Durante sull'utilizzo di stent medicati nei pazienti con coronaropatia diffusa.

14/06/2016

Solitamente quando ci viene posta una domanda come questa la risposta ovvia è "no". E questa volta è la risposta giusta. Non sono tutti uguali per diversi motivi, soprattutto se analizziamo i fattori di rischio classici che sono età, sesso, familiarità per malattie car...

25/05/2016

I benefici di smettere di fumare?! E' quasi incredibile come siano precoci ma allo stesso tempo protratti nel tempo! Dopo pochi minuti dall'ultima sigaretta avvengono già dei cambiamenti benefici nel nostro corpo, principalmente a livello respiratorio, che si protraggo...

03/01/2016

La verità è che tutti abbiamo paura di entrambe queste entità. E probabilmente facciamo bene, se pensiamo che le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte, più dei tumori. Ma quali sono le differenze? Vediamo insieme:

  • L'ATTACCO cardiaco può essere sempli...

04/11/2015

L’utilizzo di un ciclo di sette giorni di liraglutide in pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) trattati con angioplastica primaria è associato a un lieve miglioramento della funzione ventricolare sinistra a tre mesi.  Sono questi...

26/09/2015

 

L’utilizzo di stent medicati (DES) nei pazienti con infarto miocardico con sopralivellamento del tratto ST (STEMI) ha mostrato di migliorare l’outcome a 5 anni rispetto all’utilizzo degli stent tradizionali (BMS). Questi risultati derivano dall’analisi dei dati dello...

26/07/2015

Nonostante l’avvento di efficaci terapie riperfusive come l’angioplastica primaria (pPCI – primary Percutaneous Coronary Intervention), l’utilizzo dei betabloccanti continua a mostrare un impatto prognostico positivo indipendentemente dalla funzione ventricolare sinist...

30/06/2015

Il Dott. Durante ha recentemente pubblicato sull'International Journal of Cardiology un lavoro sul no reflow, ossia la mancata riperfusione del miocardio ischemico nonostante la pervietà dell'arteria epicardica.